CHIAMA SUBITO
069342005

Come difendersi dalla Salsedine

È cosa nota che ogni struttura in acciaio zincato e verniciato installata in prossimità del mare è soggetta all’insidioso attacco della salsedine. Meno noto è che la salsedine, se non incontra ostacoli fisici, può arrivare a distanze notevoli e depositandosi sulle superfici, se non rimossa, cristallizza. Tali cristalli prima o poi entrano in contatto con lo strato di zinco sottostante reagendo chimicamente con lo stesso e rendendolo nel tempo totalmente instabile. L’instabilità dello zinco si manifesta con una sua ‘fioritura’ che lentamente procurerà il distacco della vernice. In queste condizioni avverse è indispensabile eseguire (con supplemento di prezzo) un ciclo di trattamenti separati denominato “CICLO MARINO”.

Il Ciclo Marino è composto da più trattamenti separati, necessari per ottenere una adeguata protezione alla corrosione in Zone Marine.

1. PRE-ZINCATURA A CALDO SENDZIMIR:

La zincatura Sendzimir è un processo di zincatura a caldo di lamiere e scatolati che avviene per immersione in un bagno contenente zinco fuso, direttamente in acciaieria durante la produzione delle lamiere e scatolati.

GRUBEN ► Tutti i materiali utilizzati (lamiere e scatolati) in acciaio DX51D+Z sono Pre-Zincati a Caldo con processo Sendzimir per garantire la massima protezione alla corrosione dello zinco anche all’interno degli scatolati.

2. SABBIATURA:

La sabbiatura è il metodo più valido di preparazione delle superfici dei metalli, come l’acciaio, prima dei trattamenti contro la corrosione. La sabbiatura consiste in un procedimento meccanico di erosione delle superfici metalliche attraverso un getto di sabbia o graniglia metallica, al fine di preparare un’idonea base di ancoraggio per i successivi rivestimenti protettivi.

GRUBEN ► Sul prodotto assemblato si esegue la sabbiatura con grado SA3 (metallo bianco) con graniglia metallica o sabbia abrasiva per preparare la superfice del manufatto ai successivi trattamenti protettivi.

3. METALLIZZAZIONE:

La Metallizzazione è un sistema innovativo di zincatura per la protezione dell’acciaio contro la corrosione. Il processo consiste nello spruzzare lo zinco fuso, finemente polverizzato, sulle superfici da proteggere precedentemente preparate con sabbiatura. Con una apposita pistola si “proietta” lo zinco sul manufatto che aderendo forma un rivestimento di zinco di elevato spessore. Il deposito di zinco ottenuto ha una duplice funzione: effetto barriera, cioè isola il la superficie del manufatto dall’esterno e una funzione anodica, cioè protegge attivamente grazie all’azione sacrificale dello zinco nei confronti dell’acciaio.

GRUBEN ► Sulla superfice sabbiata del manufatto viene spruzzato a pressione un filo di zinco puro al 99,9 % fuso ad arco elettrico. Questo procedimento consente allo zinco fuso di ancorarsi profondamente alla superfice penetrando nelle micro-cavità prodotte dalla sabbiatura facendolo aderire perfettamente.

4. PRIMER EPOSSIPOLIESTERE:

Il primer è un fondo anticorrosivo in polvere epossipoliestere studiato per aumentare la resistenza dell’acciaio alla corrosione. Presenta un’eccellente aderenza sul substrato permettendo così un’ottima verniciatura successiva a polvere poliestere.

GRUBEN ► Il primer anticorrosivo viene applicato sulla superficie del prodotto dopo il processo di zincatura per metallizzazione allo scopo di migliorare la resistenza alla corrosione del prodotto finito e predisporre una superfice aderente di massimo ancoraggio per la successiva fase di Verniciatura.

5. VERNICIATURA A POLVERE POLIESTERE:

La verniciatura a polvere consiste nell’applicare sul manufatto polveri colorate a base di resine sintetiche che aderiscono per effetto elettrostatico. Dopo essere stato rivestito dalla polvere, il manufatto viene inserito in un apposito forno dove subisce un idoneo processo di “cottura” per un tempo prestabilito; all’interno del forno, la polvere fonde e si polimerizza, formando uno strato aderente e spesso.

GRUBEN ► Si procede all’applicazione sul manufatto, di uno strato di polvere termoindurente certificata Qualicot 1, a base di resine poliestere, per uno spessore di circa 100 micron. Il manufatto, completamente tinteggiato, viene inserito per circa un’ora in un particolare forno nel quale avviene la polimerizzazione (trasformazione da polvere a pellicola plastica) della ‘vernice’ a 180°C.

IMPORTANTE LA MANUTENZIONE:

Il Ciclo Marino, pur rallentando l’attacco della salsedine, non permette di escludere i seguenti interventi manutentivi che restano di assoluta importanza:

– lavare spesso le strutture onde evitare ristagni di cristalli di sale ed altre impurità sulle stesse.
– pulire scrupolosamente con detergente neutro (almeno ogni 4 mesi) insistendo negli interstizi e nelle parti in prossimità delle saldature.
– lubrificare scrupolosamente le parti mobili (cerniere, paletti, pistoni serrature…)

Al fine di mantenere nelle migliori condizioni le strutture di sicurezza è necessario stipulare un contratto di manutenzione programmata da effettuare con personale autorizzato GRUBEN.

Serve Aiuto?
Ciao,
come possiamo aiutarti?

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie su questo sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi